Il premier indiano in Israele per un patto su sicurezza e nuove tecnologie

Per conoscere meglio le relazioni tra India e Israele : Read More Moment Innovation Somalia

 

IMG_9081Narendra Modi, primo ministro indiano, con Benjamin Netanyahu

C’era anche una nuova specie di crisantemo, battezzata «Narendra Modi», ad accogliere il primo ministro dell’India al suo arrivo in Israele. Un omaggio al leader e alla cultura indù, che vede in quel fiore un simbolo di lunga vita e ricchezza. Gli israeliani hanno fatto le cose in grande per la prima visita di un premier indiano in carica: i due Paesi si sono sempre guardati con simpatia, se non altro per i comuni nemici musulmani, ma da due campi diversi, quello occidentale per lo Stato ebraico, quello dei «non allineati» per l’India. L’incontro fra Modi e Benjamin Netanyahu, che ieri pomeriggio si sono abbracciati all’aeroporto Ben Gurion con l’energia di due vecchi amici, è l’occasione per forgiare un’alleanza strategica e il leader indiano è stato accolto con onori riservati solo a Donald Trump.

Modi resterà in Israele per tre giorni, prima di volare in Germania al summit dei G20. Se Israele trova un amico da un miliardo e duecento milioni di abitanti, un mercato che cresce più della Cina, al sette per cento all’anno, il leader nazionalista indù vede nello Stato ebraico un modello di sviluppo tagliato su misura per le esigenze dell’India. I tre giorni serviranno a definire accordi su tre piani: la collaborazione nell’industria informatica e hi-tech, il trasferimento di tecnologie agricole, soprattutto per le coltivazioni nei terreni aridi, la collaborazione militare, specie nel campo missilistico.

La Silicon Wadi vicino a Tel Aviv, e la «Cupertino dell’India», Bangalore, sono i due grandi centri asiatici per le tecnologie del Ventunesimo secolo. L’India è interessata al modello delle start-up, che ha contribuito alla crescita media del sei per cento degli ultimi anni in Israele. Per lo Stato ebraico il mercato indiano offre la possibilità di far fare un salto di dimensioni alle proprie imprese. Alle nuove tecnologie sono anche legate le innovazioni che hanno trasformato il deserto del Negev in un giardino. Tra le eccellenze visitate da Modi, e molto apprezzata, c’è per esempio la Danziger Flower Farm, pioniere nella floricoltura.

L’India ha territori immensi semi-aridi, ed è lì la frontiera per sfamare i 25 milioni di nuovi cittadini che nascono ogni anno. Modi e Netanyahu puntano a triplicare gli scambi commerciali, fermi a meno di 2 miliardi di dollari. Undici ministri del governo israeliano hanno lavorato a progetti in comune, con investimenti per 80 milioni. Israele vuole attirare più turisti, ora sono soltanto 45 mila, puntando anche sulla comunità di 85 mila indiani che ospita. In cinquemila daranno questa sera il benvenuto al loro premier alla Fiera di Tel Aviv. Ma il piatto forte saranno gli accordi nel settore dell’industria militare.

L’India ha una sua industria missilistica avanzata e guarda con estremo interesse al sistema anti-balistico Arrow-3, lo scudo ideale per fermare la minaccia dei missili del Pakistan, potenza nucleare e storico avversario. Tanto più oggi, con Modi che spinge sull’acceleratore del nazionalismo indù anti-islamico. Un accordo in questo campo porterebbe l’alleanza su un quarto livello. Israele ha sempre puntato ad accordi con potenze «alle spalle» del mondo arabo-musulmano. Con l’Etiopia cristiana in Africa, con l’Iran dello Scià, rivale delle potenze arabe, fino al 1979, con la Turchia pilastro della Nato in Medio Oriente. Questo sistema di alleanze è però in gran parte in pezzi. Con l’India, terza potenza economica mondiale, Israele avrebbe una seconda assicurazione sulla vita, dopo quella americana.

Modi Oparendi: India and Israel sign cooperation agreements

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s